AbbracciodiLuce

Un pensiero d'Amore alla volta

Imparando cosa vuol dire essere energia ed a trasformare consapevolmente tale energia, la nostra vita si trasforma in un miracolo quotidiano di guarigione, manifestazione ed abbondanza.

AbbracciodiLuce - Un pensiero d'Amore alla volta

La gioia e la meraviglia di essere papà

Nel corso della mia vita, quando forse non l’aspettavo più, ho ricevuto la visita di un’Anima Speciale, che ha condiviso con me questo cammino terreno per 17 anni e mezzo.
L’ho tenuta in braccio che pesava tre chili e mezzo, l’ho vista crescere, l’ho vista sorridere, piangere, arrabbiarsi, divertirsi. Ho condiviso le sue risate, i suoi abbracci, le sue sclerate, le sue lacrime.
L’ho vista guardarmi, spesso.
E nel suo sguardo, appena nata e pochi istanti prima che lasciasse quel corpo fisico il cui ricordo mi fa battere il cuore, c’era lo stesso meraviglioso messaggio: “Tu sei un’anima che ho scelto per aiutarmi a compiere il mio percorso su questa terra”.
E’ questa la vera festa ed il vero dono di essere papà.
Un dono che riempie il cuore di gioia e di meraviglia, e che è più forte di tutto, anche della morte.
Auguro a tutti i papà di godere di questo dono, di questa gioia, di questa meraviglia, ogni istante della loro vita.
[Fabio, #AbbracciodiLuce]

 

buonafestadelpapa

La nostra Essenza

La nostra Essenza non può essere completamente descritta attraverso le parole. La mente cerca di definirla. Molti la chiamano Dio, altri illuminazione, altri pace interiore, altri ancora consapevolezza.
Ma il cuore sa che, dandogli un nome, stai creando qualcosa di diverso.
Qualcosa che è diverso da ciò che stai cercando di descrivere perché è la tua idea, dalla tua limitata prospettiva, di qualcosa di molto più grande, di qualcosa di infinito ed eterno.

 

AbbracciodiLuce da “Evidenti Impronte d’Amore

 

Evidenti_Impronte_lanostraessenza840

 

Affiorano dal nulla

Attraverso la meditazione, la preghiera focalizzata sull’ascolto, ti metti in contatto energetico con l’Uno e fai le tue domande. Nel frattempo la mente è sparita, con tutti i suoi giudizi, e puoi lasciare affiorare, leggeri, i messaggi di Dio.
Quando arrivano, è come se le cose le sapessi da sempre: non sai come mai ti sembra di saperle già ma è proprio così.
Arrivano informazioni energeticamente così potenti che, spesso, ti aprono il chakra del cuore e fanno vibrare quello della corona. Nessun pensiero prima, nessun pensiero dopo.
Solo quelle informazioni che affiorano dal nulla e rimangono lì in tutto il loro splendore, lasciandoti un senso di certezza e di verità.

 

da “Evidenti Impronte d’Amore”
Il secondo libro di AbbracciodiLuce
http://www.abbracciodiluce.com/evidenti-impronte-d-amore/
Giardino dei Libri: http://bit.ly/GdL_Eia
Amazon: http://bit.ly/Amazon_eia

 

eia_attraversolameditazione

Parlare col Divino

Nessuno me l’aveva insegnato veramente. Confondevo il pregare col chiedere, con il supplicare, con il pretendere che Dio mi aiutasse.
E quanto frustrante era, quanto faticoso, quanto poco efficace. Attraverso la meditazione, invece, ho scoperto un diverso modo di relazionarmi col Divino.
Non io che chiedo e Dio, se gli va, che mi ascolta, ma io che ritorno a fondermi con Dio, anche se rimango nel mio corpo così apparentemente solido e distinto da lui.

da “Evidenti Impronte d’Amore
Il secondo libro di AbbracciodiLuce
Giardino dei Libri
Amazon

 

eia_nessunomeloavevamaiinsegnato

Si parla tanto male del genere umano

Si parla tanto male del genere umano e se ne mettono spesso in evidenza le follie e gli aspetti negativi. E, visti con gli occhi dell’Ego, ce ne sono infiniti.
Ma, in realtà, possiamo essere delle creature meravigliose. Le possiamo diventare in ogni momento del nostro percorso a prescindere da come siamo stati nel passato. Creature capaci di tanto e tanto Amore.
E questo Amore, se gli diamo il permesso di fluire nella nostra vita, è quel qualcosa che ci salva.
Ci salva perché è più forte di qualsiasi dolore, anche il più terribile, ed ha la capacità di rilasciarlo e trasformarlo in altro Amore.
Secondo me.

Se guardiamo con gli occhi dell’Essenza

Se guardiamo con gli occhi dell’Essenza, ci è facile vedere che le piante, gli animali, gli esseri umani, i pianeti, l’Universo intero risplendono, come un infinito arazzo luminoso, in una combinazione equilibrata ed armoniosa.

Sono Luce nella Luce, Armonia nell’Armonia, Bellezza nella Bellezza, Pace nella Pace.

Se guardiamo oltre la separazione, oltre i nostri giudizi, oltre i nostri pensieri, oltre gli obblighi che sentiamo di sostenere questa o quella causa, sappiamo che è così. Il nostro cuore lo sa da sempre.

Siamo parte della stessa Infinita Energia, siamo scintille dello stesso fuoco, siamo cellule dello stesso infinito corpo di Luce che risplende in eterno.

guardarecongliocchidellessenza850www

 

 

Amare è condividere

L’Amore è Unione, condivisione: vibrare alla sua frequenza ci fa sentire parte della Creazione, di quell’eterno processo creativo e dell’Energia Originaria da cui esso promana.

Se vibriamo alla vibrazione dell’Amore, concetti come io e tu, come bene e male, come dolore e gioia, perdono di significato. Tutto È, semplicemente.
Tutto è condivisione.

amareecondividere840

 

Occhi della mente, occhi del cuore

Come in un dipinto gli oggetti o le persone, come in una musica le note, come i pianeti nell’Universo, come i particolari di un volto, come le onde di un mare. Gli occhi della mente notano le differenze, i confini tra le parti, gli occhi del cuore no: si godono lo spettacolo e si lasciano cullare.

comeinundipintoglioggetti840

Piccole parentesi nell’eternità

Ci fermiamo ogni tanto per incontrarci, stare insieme, amarci, condividere.
Questi momenti sono preziosi, anche se transitori: si tratta di piccole parentesi nell’eternità.
Se li condividiamo con cura, grazia ed amore, creeremo serenità e gioia per noi stessi e per gli altri. E questi momenti assumeranno un valore infinito.
Secondo me.

 

L’intuizione

L’intuizione è quel delicato e silenzioso messaggio che la tua Anima ti sussurra, guidandoti delicatamente verso la direzione del tuo Bene Supremo.

Imparare ad ascoltarla non è difficile.
Ti suggerisce risposte che sai già.

E ti offre una scelta: se seguire la sua voce o seguire la mente con le sue rassicuranti elucubrazioni.

La scelta sta a te.
Sempre.

Io mi benedico per la scelta che ho fatto.

Di cosa hanno bisogno le persone

Le persone, spesso, hanno solo bisogno di un po’ d’incoraggiamento, di qualcuno che ricordi loro quanto possono risplendere.

Di qualcuno che gli dica che ha fiducia in loro, che asciughi le loro lacrime, condivida i loro sorrisi, non abbia paura dei loro silenzi, non sia intimidito dai loro abbracci.

Di qualcuno che cammini al loro fianco lungo la strada che porta ai loro sogni.

Secondo me.

Coltivare Amore

Un giorno decidi di coltivare Amore. Senti che hai voglia di farlo, che farlo ti aiuta a star bene, o che, semplicemente, ti aiuta ad andare avanti.

A volte non c’è nessuna ragione per cui scegli di farlo, a volte c’è un evento specifico, come nel caso mio, a volte c’è l’incontro con una persona. Non avviene mai nello stesso modo o con la stessa dinamica. Ma sempre, quando succede, c’è l’incontro, profondo ed a volte sconvolgente, con te stesso.

Entrando in contatto con te stesso, decidi che d’ora in poi coltiverai Amore. E comprendi che, per coltivarlo, è necessario piantarne dei semi. E che quei semi li trovi in ciò che, in ogni momento, incontri nella tua vita. Gioie, dolori, piaceri, delusioni: tutto ha un ruolo nel percorso che stai percorrendo e sta a te usarli come semi.

Come si fa? Basta smettere di giudicare cosa è bene e cosa è male, cosa è giusto e cosa è sbagliato, cosa desideri o cosa non desideri. Se qualcosa è nella tua vita, adesso, è un seme che può portare frutto. E il tuo compito è, mentre giochi il gioco della vita, quello di trasformare questi semi, anche quelli apparentemente orribili, anche quelli che ti fanno star male, anche quelli che ti provocano risentimento, in frutti meravigliosi per te e per gli altri.

Quando, a maggio 2012, è entrato dirompente e violento l’evento meno prevedibile che possa esistere, quello di assistere alla morte della tua unica figlia di 17 anni, tutto poteva sembrare tranne che un seme. Eppure lo è stato: lo è stato perché ho deciso che lo fosse. Ho deciso che non potevo sprecare tutto il patrimonio di Amore che Anna mi aveva donato sin dal giorno della sua nascita, che il mio compito era farlo fruttare e metterlo a disposizione di me stesso e degli altri. E così è stato, nonostante il dolore.

E questa esperienza mi ha insegnato ad abbracciare con Amore tutto ciò che, nel momento, è con me. E trasformarlo in un seme. Perché, se questo seme lo pianti senza soffocarlo col giudizio, può darti dei frutti che neanche potevi immaginare.

Questa, almeno, è la mia esperienza.Principito-y-Flor