AbbracciodiLuce

Un pensiero d'Amore alla volta

Imparando cosa vuol dire essere energia ed a trasformare consapevolmente tale energia, la nostra vita si trasforma in un miracolo quotidiano di guarigione, manifestazione ed abbondanza.

AbbracciodiLuce - Un pensiero d'Amore alla volta

Amare con la A maiuscola

Facciamo tutti (io per primo) un grande scrivere di Amore.
Ma c’è una grande differenza tra scriverne e provarlo.
Amare con la A maiuscola significa vedere i difetti e gli errori degli altri e riuscire ad amarli lo stesso.
Un compito impegnativo, per noi, su questo piano di esistenza.
E non sempre ci riusciamo, ci mancherebbe.
Ma quando ci riusciamo, il Divino che è in noi ci dà una pacca sulla spalla e sorride contento.
Secondo me.

amareconlaamaiuscola840

A proposito di gentilezza

Si fa confusione, a volte, su cosa significhi comportarsi con gentilezza.
Essere gentili è un modo di creare relazioni empatiche con gli altri che arricchiscono la nostra vita.
E’ un modo per esprimere il meglio che abbiamo, a prescindere da chi abbiamo di fronte.
Un mandare un segnale di apertura, di condivisione, di unità.

Purché sia sincera. Ma è sincera soltanto se siamo in pace con noi stessi e se, quando non lo siamo, capiamo perché non lo siamo e lavoriamo su di noi.
Non siamo gentili per gli altri, siamo gentili per noi e per gli altri, che è una cosa ben diversa.
Essere gentili per noi e per gli altri significa riconoscere l’intrinseca unità, la interconnessione, che le nostre relazioni con gli altri ci permettono di percepire in questo mondo di apparente separazione.
Essere gentili solo per gli altri, viceversa, significa amplificare questa separazione, considerando l’altro o una potenziale minaccia (sono gentile con lui per non essere aggredito) o qualcuno da cui trarre, attraverso la piaggeria, un beneficio.
Ciò che diamo ci ritorna: se diamo sincera gentilezza, nel lungo periodo, la nostra vita sarà piena di persone gentili che abbiamo attratto. Se diamo piaggeria o ipocrita gentilezza probabilmente le nostre esperienze saranno diverse. Perché il campo energetico dell’Universo riconosce le nostre intenzioni, non quello che facciamo.

D’altra parte va però compresa una cosa sulla gentilezza.
C’è differenza tra essere gentili e permettere agli altri di approfittarsi di noi. Come c’è differenza tra essere gentili ed essere indulgenti, permissivi o addirittura fregarcene delle persone che abbiamo di fronte.
Ci può essere sincera gentilezza in un no, in un rifiuto motivato e cortese ma fermo. Ci può essere, e c’è spesso, sincera gentilezza nel dire a una persona che ciò che sta facendo non è bene, secondo la nostra opinione, per lui, per altre persone o per l’umanità intera.
Ci vuole allenamento, come in tutte le cose, ma si può imparare ad essere gentili senza essere falsi.
E soprattutto ad esserlo senza aspettative.
I ritorni dell’essere gentili stanno nelle emozioni che proviamo, nella serenità che la gentilezza ci provoca, nella nostra pressione che rimane su valori nella norma. Non nella risposta dell’altro alla nostra gentilezza.

Questo, almeno, secondo me.

 

gentilezza

Spesso mi sono trovato dove era giusto che fossi in quel momento.

Io penso che ciò che arriva nella nostra vita non ci arriva per caso ma per una scelta precisa della nostra Anima.
Non ne abbiamo la consapevolezza, spesso, ma il Divino che è in noi ci parla costantemente attraverso le cose che vediamo, le persone che incontriamo, un disagio fisico, una situazione nella quale ci troviamo, un sogno, un sentimento che proviamo, un link nel quale ci imbattiamo e in mille altri modi ancora.
Ciò che mi sto allenando a fare (e non è un allenamento facile, di certo) è dare ascolto a questa saggezza interiore che mi indica la strada, anche quando il mio ego mi suggerisce una strada diversa.
E spesso mi sono trovato, a volte con sorpresa, proprio dove era giusto che fossi in quel momento.

 

spessomisonotrovato850www

 

Perdonati perché …..

Perdonati perché non serve continuare a biasimarti e a punirti per gli errori che hai fatto.
Perdonati perché, quando li guarderai con gli occhi del perdono, scoprirai che quelli che oggi definisci semplicemente errori sono stati, realmente, delle opportunità.
Per te, per la tua vita, ma forse anche per gli altri, quelli per i quali, oggi, ti senti in colpa.
Siamo su questa terra, in questo corpo fisico, proprio per imparare, per evolvere.
E facciamo, in ogni occasione, il meglio che possiamo, per quello che siamo in quel momento, per quello che sentiamo, per le ferite che portiamo.
E il meglio che possiamo, a volte, sono errori: cose che non faremmo per come siamo oggi.
Ma, senza quegli errori, saremmo ancora come ieri.
Perdonati, perché, attraverso il perdono, sei libero di mettere a frutto tutte quelle esperienze, senza restare ancorato al dolore che hai provato o prodotto quando li hai attraversate.
Questo, almeno, secondo me.

 

perdonatiperche1850www

Mi amo ed amo te

Mi amo. Amo il mio corpo, amo la mia mente, amo il mio cuore, amo i miei errori, amo le mie miserie, amo il mio ego, amo la mia Anima, amo le mie doti e le mie benedizioni, amo le gioie che la vita mi regala: Mi Amo.

E quest’Amore tracima dal cuore, riempie le mie cellule, il mio corpo, il mio campo aurico e si diffonde tutto intorno a me, fino a raggiungerti. Mi amo ed amo Te.

© AbbracciodiLuce da Un pensiero d’Amore alla volta

miamo_pdav

Guardare il dito per non vedere la luna

C’è un sottile meccanismo di difesa, da parte del nostro subconscio (che è la parte più conservatrice ed ostile al cambiamento di noi), a qualcosa che ci può mettere in discussione.
Questo meccanismo è particolarmente evidente nella interazione su Facebook, che è basata sulla comunicazione scritta.
Consiste nello smorzare la eco che una frase ha dentro di noi, concentrandoci sul giudizio su chi  l‘ha pronunciata o su un dettaglio (es. una parola il cui uso ci sembra improprio o una virgola che manca) anziché su quello che la frase ci sta dicendo su di noi.
E’ come guardare il dito che indica la luna, anziché la luna.
Se ci facciamo caso, è un meccanismo piuttosto evidente.
E, quando capita a noi, riconoscerlo significa farsi un bel regalo.
Perchè in quella frase che lo ha fatto scattare, probabilmente, c’è un messaggio importante per noi.
Questo, almeno, secondo me.

guardareildirtopernonvederelaluna850www

Non è nè buona nè cattiva

Questa giornata che sta cominciando non è nè buona nè cattiva.
E’ un pezzetto della mia esistenza. E se, stasera, sarà stata buona o cattiva dipenderà in grandissima parte da me, da come scelgo di attraversarla e da ciò che farò con ciò che essa mi porterà.
Ogni attimo, questa giornata, la mia stessa vita sono, in fondo, ciò che ne faccio.

 

questagiornatachestacominciando850www

“Il caso” sono solo le scelte che facciamo

Le cose importanti della nostra vita accadono, apparentemente, per caso.
In realtà, io credo che queste “coincidenze” siano occasioni che abbiamo per metterci alla prova ed andare oltre la nostra zona di comfort.
A volte riusciamo ad uscire dal recinto (e allora “il caso” ci regala un grande cambiamento), a volte lo facciamo ma la mente ci dice di farlo entro un certo limite (e allora “il caso”, spesso, si risolve in un’occasione persa) a volte non ci riusciamo proprio e allora “il caso” ci lascia soltanto del rimpianto.
In realtà, quindi, “il caso” sono solo le scelte che facciamo, consapevolmente o inconsapevolmente.
Secondo me.

ilcasosonosololescelye850www

 

Cosa puoi fare per migliorare la tua vita?

Puoi innalzare muri per proteggerti dagli altri o puoi costruire ponti per sentirti unito agli altri.

Puoi dare la colpa a qualcosa o qualcuno che è fuori di te, o prenderti pienamente la responsabilità della tua vita.

Nelle grandi scelte, quelle davvero importanti, puoi affidarti alla voce dell’Ego, o ascoltare, nel silenzio interiore, i suggerimenti della tua Anima.

Puoi covare rancore, rammarico o rimpianto, o praticare gratitudine, compassione, condivisione.

Puoi dedicare il tuo tempo a fare ciò che gli altri vogliono per te, oppure seguire ciò che senti nel cuore.

Ci sono infinite possibilità che ti si parano davanti.

Scegli il meglio per te.

cosapuoifarepermigliorarelatuavita850www

Se l’Universo è abbondante, figuriamoci quanto è abbondante il Multiverso

Credo che, all’origine dell’invidia, ci sia un credenza bloccante di fondo: quella che chi ottiene qualcosa lo tolga a qualcun altro.
Ma se l’Universo è infinitamente abbondante figuriamoci il Multiverso.
Ora, in questo momento, ognuno di noi ha infinite strade possibili aperte avanti a sé.
Ciascuna con le sue opportunità e ciascuna con la possibilità di ottenere un successo, una gratificazione, la realizzazione di un desiderio.
Un’enorme ragnatela di opportunità che ci aspettano, se la piantiamo di stare fermi ad invidiare i successi degli altri.

seluniversoeabbondante850www

Si parla tanto male del genere umano

Si parla tanto male del genere umano e se ne mettono spesso in evidenza le follie e gli aspetti negativi. E, visti con gli occhi dell’Ego, ce ne sono infiniti.
Ma, in realtà, possiamo essere delle creature meravigliose. Le possiamo diventare in ogni momento del nostro percorso a prescindere da come siamo stati nel passato. Creature capaci di tanto e tanto Amore.
E questo Amore, se gli diamo il permesso di fluire nella nostra vita, è quel qualcosa che ci salva.
Ci salva perché è più forte di qualsiasi dolore, anche il più terribile, ed ha la capacità di rilasciarlo e trasformarlo in altro Amore.
Secondo me.

Scrivi la tua rabbia

La prossima volta che ti arrabbi con qualcuno, allontanati dalla situazione nella quale è nata questa rabbia e scrivi.
Prendi un foglio di carta e scrivi più velocemente possibile i fatti, la tua interpretazione dei fatti, le tue emozioni, le cose che vorresti dire all’altro.
Continua a scrivere finché non senti che la rabbia, che prima era dentro di te, ora è tutta in quel foglio.
Poi prendi il foglio, strappalo in mille pezzi, brucialo, o semplicemente buttalo via e.. lascialo andare, insieme alla rabbia, fuori dalla tua vita.

scrivilatuarabbia840www

Ricordiamocelo

Ricordiamo, ogni tanto, a noi stessi che siamo Anime troppo belle e troppo preziose per vivere nelle tenebre della tristezza e dello sgomento.
Siamo Esseri di Luce che stanno facendo temporaneamente un’esperienza in un contesto di materia e di separazione.
E stiamo imparando, ogni giorno di più, a riempire di Luce anche questa esperienza terrena.
Ci meritiamo il lato splendente della vita.
Andiamo a prendercelo.

 

ricordiamogonitantoanoistessiwww

Uscire a vivere la vita

A volte, ce ne restiamo lì, rintanati nella nostra zona di comfort, a guardare la nostra esistenza scorrere.
Di sicuro non facciamo errori, rinchiusi lì dentro, questo è vero, ma ci precludiamo la possibilità di realizzare ciò che desideriamo.
Di sicuro non rischiamo di essere delusi, questo è vero, ma ci consegniamo inermi al rimpianto per quello che, forse, sarebbe potuto accadere.
Di sicuro non abbiamo sorprese, questo è vero, ma neanche faremo mai delle scoperte.
Ne vale la pena? Io credo di no: restare in un porto sicuro può diventare una prigione, a lungo andare.
Io credo che sia meglio uscire a vivere la vita pienamente, con le sue gioie e i suoi dolori, con i successi e gli insuccessi, con le incertezze e le meraviglie.
Perché ogni volta che usciamo a vivere la vita ci diamo il permesso di scoprirne i tesori.
E la vita, questo viaggio di avventura che noi Anime stiamo facendo, è infinitamente pieno di tesori.

 

uscireaviverelavita850www