AbbracciodiLuce

Un pensiero d'Amore alla volta

Imparando cosa vuol dire essere energia ed a trasformare consapevolmente tale energia, la nostra vita si trasforma in un miracolo quotidiano di guarigione, manifestazione ed abbondanza.

AbbracciodiLuce - Un pensiero d'Amore alla volta

E’ molto più difficile vivere in balia degli eventi

L’energia all’interno della quale viviamo la nostra vita, dipende dalle scelte che facciamo sull’energia con la quale la viviamo.

In ogni momento possiamo decidere di staccarci dal dolore e trasformarlo in compassione, di prendere la rabbia e trasformarla in determinazione, di guardare dall’alto le nostre preoccupazioni e trasformarle in intenti per il futuro.

Possiamo decidere di trarre energia di cambiamento da quelli che ci sembrano errori e fallimenti.

Di trovare piccoli momenti di gioia e di amore, anche quando siamo disperati.

Possiamo scegliere, sempre. Non possiamo scegliere, sempre, ciò che l’interazione con altre anime porta nella nostra vita, ma possiamo scegliere, sempre,  con quale energia relazionarci con questi eventi.

E, a volte, possiamo scegliere di fermarci perché siamo stanchi. E guardarci intorno e scoprire, con gratitudine, quante cose belle abbiamo intorno a noi. E lasciare che questa gratitudine trasformi ciò che è ora nella nostra vita nel meglio per noi.

Di sicuro qualcuno dirà che è difficile.

Non è difficile, se scegli di farlo e lo fai con determinazione e con costanza, amandoti e sostenendoti anche quando non ci riesci.

E’ molto più difficile vivere in balia degli eventi.

Questo, almeno, secondo me.

comprensione_ostilita

Un po’ bene un po’ male

Quando era molto piccolina, mia figlia rispondeva a chi le chiedeva come stai: “Un po’ bene, un po’ male”.

Sorridevo, allora, con tanta tenerezza.

Ma non avevo colto il senso profondo di quella frase così tenera e gentile.

La voce della sua Anima era ancora forte in lei, come in tutti i bambini, e ci stava regalando il senso del suo essere lì in quel corpo.

La nostra Anima viene in un corpo fisico per sperimentare ed ha bisogno che esista il bene e il male, la gioia e il dolore, il sorriso e le lacrime.

Vuole sperimentare, curiosa, cosa si prova ad avere un corpo che secerne tossine nei momenti di profondo dolore, che si riempie di ossiticina quando riceve una coccola, che sente scorrere l’adrenalina quando prova rabbia, e si illumina di serotonina nei momenti di gioia.

L’Anima osserva, percepisce, prova ed è grata a quel corpo. E lo ama incondizionatamente.

E’ per questo che è tutto “un po’ bene e un po’ male”: perché l’Anima impari, anche nel dolore a trovare l’Amore.

Nulla è per sempre

L’amore, la felicità, il successo, la vita stessa in fondo, sono doni che l’anima si fa, su questo piano di esistenza, per sperimentare spesso la gioia di averli, a volte il dolore di perderli e, sempre, la consapevolezza che, come sono andati, torneranno.

Perché su questo piano di esistenza nulla è per sempre, se non quello che la nostra anima impara attraverso le nostre esperienze.

Questo, almeno, secondo me.

Avere fede

Avere fede significa aprire davvero gli occhi, smettendo di essere ciechi o di non voler vedere.
Perché avere fede significa solo darsi il permesso di ricordare ciò che sappiamo da sempre.
E, quando ce lo ricordiamo, siamo pronti a vedere l’invisibile, credere l’incredibile e, a volte, ricevere l’impossibile.
Questo, almeno, secondo me.

Angeli in incognito che seminano Amore

Ci sono persone, uomini e donne, che hanno trovato il coraggio di essere se stesse.
Di mostrare la bontà, il coraggio, la lealtà o l’integrità che le contraddistingue.
Ci sono persone, uomini e donne, che hanno trovato il coraggio di andare oltre.
Di aprire il loro cuore, di mostrare gentilezza e compassione.
E poco importa che tu le incontri per strada, le abbia al tuo fianco o non le abbia mai incontrate.
Sai che ci sono, angeli in incognito che seminano Amore.
E che, senza clamore e giorno dopo giorno, stanno rendendo il mondo migliore.

Lavorare contro o cooperare con?

Lavorare contro ciò di spiacevole che arriva nella nostra vita ci fa consumare gran parte della nostra energia, dedicandola ad emozioni di rabbia e frustrazione.

Accettarlo come se l’avessimo scelto come esercizio e cooperare con esso, come se fosse un alleato, ci restituisce l’energia necessaria per cambiarlo e per cambiare noi. 

Questo, almeno, secondo me.

Riconoscere la perfezione

Non è compito facile quello di riconoscere la perfezione in ciò che ci circonda.

Ci vuole allenamento, ci vuole tenacia, ci vuole pazienza e positiva attitudine.

E’ necessario abbassare la voce dell’ego, che negli eventi che ci accadono vede separazione e minaccia, imparare ad accettare, per quello che è, ciò che ci succede, senza pregiudizio e senza rammarico o risentimento.

E’ necessario amarsi quando non ci riesci, quando cadi nell’inganno della mente, perdonarsi per questo, senza giudicarsi e senza biasimarsi.

E, quando ci riesci, ti permetti finalmente di percepire che ciò che ti è successo non è buono o cattivo, ma è ciò che ti consente di imparare e di cambiare, per il tuo Bene supremo, una parte di te.

E, allora, comprendi ed alzi gli occhi al cielo e sorridi.

Questa, almeno, è la mia esperienza.

Ritrova chi sei

Siamo anime antiche e nobili, abbiamo in noi la scintilla del Divino, abbiamo poteri grandi e grandi potenzialità.
E’ solo che siamo smemorati: secoli di condizionamenti e di limitazioni ci hanno fatto dimenticare chi siamo e l’origine della forza che tutti noi abbiamo.
E’ giunto il momento di ritrovare questa consapevolezza: che la Luce non è solo dentro noi, ma che la Luce siamo anche noi.
Questo, almeno, secondo me.

Condividere il cambiamento

Io credo che, quando la nostra vita cambia, ci venga naturale condividere il cambiamento con gli altri.
La nostra Anima non è venuta qui per evolvere in solitudine, ma attraverso lo scambio e la condivisione con altre Anime.
E, credo, che non ci sia niente di più bello che condividere un pezzo del viaggio.
Ma con la consapevolezza che ognuno ha il suo percorso, i suoi tempi, il sacrosanto diritto di fermarsi a riposare.
Condividere sì, quindi, forzare o giudicare mai.
Questo, almeno, secondo me.

Godi, ogni istante della tua vita, la festa e la benedizione di essere papà

Ho avuto la benedizione di ricevere in dono la visita di un’Anima Speciale che ha condiviso con me questo cammino terreno per 17 anni e mezzo.
L’ho tenuta in braccio che pesava tre chili e mezzo, l’ho vista crescere, ogni giorno, e ogni giorno sorridere, piangere, arrabbiarsi, divertirsi.
Ma soprattutto ogni giorno l’ho vista guardarmi e vi assicuro che nel suo sguardo, appena nata e pochi istanti prima che morisse, c’era lo stesso meraviglioso messaggio: “Tu sei l’anima che ho scelto per aiutarmi a compiere il mio percorso su questa terra”.
E’ questa la vera festa ed il vero dono di essere papà.
E auguro a tutti i papà di godere di questo dono, di questa benedizione, ogni istante della loro vita.

Tra un rimpianto e un miracolo

Tante, troppe volte in passato, dovendo scegliere tra un rimpianto e un miracolo, ho scelto di restare nella mia zona di comfort, di non rischiare, di non osare.
Ho scelto il rimpianto.
Ora ho deciso di non sceglierlo più: di scegliere, sempre e comunque, la via del miracolo.

Il processo di apprendimento

La nostra vita su questo piano di esistenza è un continuo processo di apprendimento.

Ed ogni dolore, gioia, decisione giusta o sbagliata che prendiamo è un’occasione di apprendimento.
Gli eventi felici e non felici non arrivano per caso nella nostra vita.
Arrivano perché le nostre anime hanno scelto di imparare attraverso le esperienze che quegli eventi determinano.
Questo, almeno, secondo me.

nostravita2