AbbracciodiLuce

Un pensiero d'Amore alla volta

Imparando cosa vuol dire essere energia ed a trasformare consapevolmente tale energia, la nostra vita si trasforma in un miracolo quotidiano di guarigione, manifestazione ed abbondanza.

AbbracciodiLuce - Un pensiero d'Amore alla volta

Siamo piccoli dalla prospettiva dell’ego, siamo infiniti dalla prospettiva dell’Uno.

Se guardiamo questa foto dalla prospettiva del nostro ego, siamo piccoli, fragili, quasi insignificanti rispetto alla immensità dell’Universo.
Ma se la guardiamo dalla prospettiva dell’Uno, siamo parte integrante della Creazione e, come la creazione siamo infiniti, eterni, divini.
Questo è il mistero e la meraviglia del nostro essere qui, in questo corpo, su questa terra, in questo spazio-tempo.
Secondo me.

 

siamopiccolidallaprospettivadellegogeo850www

Combattere l’Ego o giocarci a Lego?

Io credo che, per vincere quella che molti considerano una dura battaglia contro l’Ego, forse, il primo passo è proprio quello di convincerci che non c’è nessuna battaglia da combattere.
L’Ego è quella parte di noi che ci suggerisce pensieri di separazione, mancanza, negatività, dualismo, paura, necessità di difenderci dagli altri. E’ una parte di noi, comunque, non qualcosa di esterno a noi. Una parte di noi essenziale per sperimentare a pieno l’esperienza umana che la nostra Anima ha scelto di intraprendere.
E, se riusciamo ad accettare la sua esistenza e ad amare anche il nostro Ego come manifestazione di noi stessi, potremo riconoscerlo ogni volta che parla, sorridere con tenerezza, a volte, delle cose che ci dice ed ascoltare con maggiore consapevolezza i pensieri di Amore che vengono dalla nostra Essenza.
Perché combattere, in ogni caso, ci allontana dall’Amore e solo attraverso l’Amore ascoltiamo la nostra Essenza.
Secondo me.
combatterelego

Combattere l’Ego?

Per vincere quella che molti considerano una dura battaglia contro l’Ego, forse, il primo passo è proprio quello di convincerci che non c’è nessuna battaglia da combattere.
L’Ego è quella parte di noi che ci suggerisce pensieri di separazione dall’altro  mancanza, negatività, paura, necessità di difenderci dagli altri. E’ una parte di noi, comunque, non qualcosa di esterno a noi.
Se riusciamo ad accettare la sua esistenza e ad amare anche il nostro Ego come manifestazione di noi stessi, potremo riconoscerlo ogni volta che parla, sorridere delle cose che ci dice ed ascoltare soltanto i pensieri di Amore che vengono dal nostro cuore.
Perché combattere, in ogni caso, ci allontana dall’Amore e solo attraverso l’Amore ascoltiamo la nostra Essenza.

egoessenza

Ti conosco, mascherina

A volte, basta una piccola delusione per risvegliare il nostro ego e tutto il suo usuale corredo di emozioni di rabbia, rammarico e rimpianto.

E’ successo a me ieri, come credo succeda, a chi più a chi meno, a tutti.

Beh, io credo che siamo qui, su questo piano di esistenza, per sperimentare anche questo, per attraversarlo, comprendere qual è il messaggio che c’è dietro tutto questo, lasciare andare queste emozioni.

Poi, sorridere con amore al nostro ego imbronciato e dirgli “Ti conosco, mascherina! ” 

mascherina

La cosa migliore che possiamo fare per essere felici

Se la nostra felicità o la nostra disperazione dipendessero dagli eventi che succedono intorno a noi, avremmo ben poca scelta su come vivere la nostra vita.

Fortunatamente, come ci sentiamo non dipende da quello che abbiamo intorno a noi, ma da quello che il nostro ego ci dice sulla realtà che ci circonda.

E’ il nostro ego che ci dice se ciò che abbiamo intorno è giusto, sbagliato, triste, allegro, spaventoso o rassicurante.

Quando ci rendiamo conto di questo, possiamo scegliere di smettere di ascoltare quella voce e di imparare a guardare sistematicamente il lato buono delle cose, il lato buono delle persone, il lato buono degli avvenimenti.

Ciò aumenterà in maniera esponenziale le cose, le persone e gli avvenimenti che ci provocano gioia.
E’ facile farlo: basta solo smetterla di nascondersi dietro la paura di farlo.

La forza dell’Uno

Desideriamo la pace, ma siamo in preda alle preoccupazioni.

Passiamo la vita a cercare l’amore, eppure l’Amore è dentro il nostro cuore.

Ci sentiamo lontani dall’Energia da cui veniamo, eppure l’abbiamo dentro e intorno a noi.

Ma ci sono dei momenti in cui riusciamo a lasciare andare le nostre aspettative, il nostro senso di mancanza, in altre parole, i pensieri che il nostro Ego ci suggerisce continuamente.

In quei momenti sperimentiamo la potenza e l’Amore dell’Uno.

Lo scopo del nostro percorso è, secondo me, sperimentare sempre più di frequente quei momenti.

 

 

Combattere l’Ego?

Per vincere quella che molti considerano una dura battaglia contro l’Ego, forse, il primo passo è proprio quello di convincerci che non c’è nessuna battaglia da combattere.

L’Ego è quella parte di noi che ci suggerisce pensieri di separazione dall’altro, mancanza, negatività, paura, necessità di difenderci dagli altri. E’ una parte di noi, comunque, non qualcosa di esterno a noi.

Se riusciamo ad accettare la sua esistenza e ad amare anche il nostro Ego come manifestazione di noi stessi, potremo riconoscerlo ogni volta che parla, sorridere delle cose che ci dice ed ascoltare soltanto i pensieri di Amore che vengono dalla nostra Essenza.

Perché combattere, in ogni caso, ci allontana dall’Amore e solo attraverso l’Amore ascoltiamo la nostra Essenza.

I due punti di vista

Ci sono due voci dentro di noi, due punti di vista che si alternano a seconda dei momenti e della nostra consapevolezza.
Uno è il punto di vista del nostro ego, l’altro quello della nostra anima.
Li riconosci? E, soprattutto, quante volte ascolti l’uno e quante volte ascolti l’altro?

La voce nella nostra testa

Quando ogni pensiero assorbe completamente la nostra attenzione, significa che ci identifichiamo con la voce nella nostra testa.

Il pensiero viene poi investito con un senso di sé.

Questo è l’ego, un “me” costruito dalla mente . Questo “me” autocostruito dalla mente si sente incompleto e precario.

Ecco perché l’aver paura ed il volere sono le sue emozioni predominanti e le forze che lo motivano.

Quando riconosciamo che c’è una voce nella nostra testa, che fa finta di essere noi e non smette mai di parlare, ci stiamo risvegliando dalla nostra identificazione inconscia con quel flusso del pensiero.

Quando notiamo quella voce, ci rendiamo conto che chi siamo non la voce – il pensatore – ma colui che è consapevole di essa.

Riconoscere noi stessi come la consapevolezza che c’è dietro la voce è la libertà.

(Eckhart Tolle)

Il mondo dell’ego

Il mondo dell’ego è come un labirinto nel quale l’ego girovaga sperduto e confuso, senza riuscire ad intuire il disegno.

Ci dibattiamo in un continuo susseguirsi di tentativi e di errori alla ricerca della via di uscita.

E, a volte, questo labirinto si trasforma in un doloroso calvario pieno di rancore.

Eppure la via d’uscita è lì, guardando verso l’alto, nel riconoscere la vibrazione della nostra anima e nel fonderla col Tutto.

Guarda nello specchio

Ciò che vedi non sei tu, ma una immagine proiettata dal tuo ego.

Come un film.

Prendi coscienza di questo fatto, applicalo alla tua intera vita, e le cose cominceranno a sembrarti diverse.

Molto diverse.

Migliori

Stefan Nadzo

Traduzione italiana di AbbracciodiLuce.com

Fabio Fiorese Sogno allo specchio