AbbracciodiLuce

Un pensiero d'Amore alla volta

Imparando cosa vuol dire essere energia ed a trasformare consapevolmente tale energia, la nostra vita si trasforma in un miracolo quotidiano di guarigione, manifestazione ed abbondanza.

AbbracciodiLuce - Un pensiero d'Amore alla volta

Può sembrare una goccia nel mare

Viviamo immersi in un campo di pensiero collettivo che influenza le nostre convinzioni, può instillarci paura e darci la sensazione che, da soli, possiamo fare bene poco.
C’è una cosa, però, che possiamo sempre fare con la tenacia del maratoneta: cambiare la nostra energia, ripulire i nostri pensieri, prendere consapevolezza dei poteri che abbiamo e della forza che riusciamo ad esprimere quando decidiamo di farlo.
E questo cambiamento di energia, può apparentemente sembrare inutile per cambiare il mondo intorno a noi, ma, al contrario, può avere degli effetti sorprendenti.
Può sembrare una goccia nel mare, ma, se ci pensiamo bene, ognuno di noi è una goccia che compone quel mare.
E più gocce pulite ci sono più il mare sarà cristallino.
da “Un pensiero d’Amore alla volta

puosembrareunagoccianelmare850www

Che ci piaccia o no…

Può non piacerci, ma ogni istante che dedichiamo a pensare in negativo allontana il positivo dalla nostra esperienza.
Ogni volta che biasimiamo noi stessi, attiriamo occasioni per biasimarci.Ogni volta che biasimiamo gli altri, attiriamo occasioni per biasimare
Ogni volta che ci lamentiamo, attiriamo occasioni per lamentarci.
Che ci piaccia o no, è così che funziona.
Liberiamoci dall’impulso di pensare in negativo: è un condizionamento, non la nostra natura.
Diamoci la possibilità di pensare a colori sgargianti: ci sono mille opportunità che qualcuno sfrutta ogni momento. Ce ne sono anche per noi.
Facciamo in modo che la nostra gioia, la nostra gratitudine, la nostra fiducia le attiri a noi.
E’ meglio, secondo me.

checipiacciaono

Ripetere azioni, parole, pensieri che ci fanno star bene

Non possiamo, non ne abbiamo la forza, spostare un peso da mille chili tutto insieme, ma possiamo spostare mille volte un peso da un chilo.
Ripetere azioni, parole, pensieri che ci fanno star bene, ogni giorno: questo è quello per cui, su questo piano di esistenza, ci siamo fatti il dono della determinazione. Ripetendoli con tenacia, con fiducia, senza esitazioni, li rendiamo ogni volta più efficaci, ogni volta più potenti.
Nessuna capacità può essere sviluppata pienamente in un giorno; nessun obiettivo importante può essere raggiunto istantaneamente. Di questo abbiamo, tutti, diretta esperienza. Allora, lasciamo andare le cose negative cui abbiamo consacrato finora la nostra testardaggine, e dedichiamo con determinazione il nostro tempo e le nostre energie a ciò che ci fa bene.
E questo tempo e questi sforzi ci daranno delle inattese e meravigliose ricompense.
Secondo me.

Essere positivi è prendersi la responsabilità della propria vita

C’è un filmato carino di presa in giro del pensiero positivo che girava in rete qualche anno fa. Raccontava, in maniera devo dire esilarante, di tre ragazzi che facevano “pensiero positivo” attirando a sé dei vestiti in un negozio e poi uscendo senza pagare perché quei vestiti “erano già nella loro vita ormai”.
Il filmato era carino, ma quello non è pensare positivo.
Pensare positivo non significa aspettarsi che nessuna situazione sgradevole entri nella tua vita né che una situazione cambi solo perché pensi positivo rispetto ad essa.
Ciò che davvero è pensare positivo è cambiare la prospettiva su quella situazione: smettere di considerarsene vittima, prendersi la responsabilità di esserne il protagonista principale e di essere la chiave per il suo cambiamento.
Significa attraversare la situazione con coraggio, lavorare su se stessi, essere aperti a tutti gli aiuti che arrivano (eccome se arrivano) dall’Universo, focalizzare la soluzione, non compiangersi, agire con determinazione lasciando fluire gli eventi e dando il tempo all’Energia di riallinearsi.
Significa, in poche parole, prendere in mano le redini della propria vita.
E darsi fiducia.
Secondo me.

esserepositiviprendersiresponsabilita840

Campo di erbacce o giardino di rose?

Orientare i propri pensieri verso il bello è molto diverso dal prendersi in giro.
Chi si prende in giro si illude che una cosa sia differente da com’è, chi orienta i propri pensieri trae opportunità, insegnamenti e bellezza da ciò che vede.
E possiamo sempre scegliere se pensare alle erbacce (ed essere un campo di erbacce) o alle rose (ed essere un giardino di rose).
Questo, almeno, secondo me..

Cerchiamo nel mucchio giusto

Alcune cose potrebbero andare storte.

Altre potrebbero funzionare.

Le potete trovare entrambe là fuori.

Se cercate le cose che potrebbero andare storte, le trovate. Avete semplicemente guardato nel mucchio sbagliato!

Cercate ciò che funziona – troverete anche quello.

Richard Bandler, da “Il tempo per cambiare”

Il lato splendente

Ogni giorno siamo esposti a basse vibrazioni: cose che non vanno come ci siamo aspettati, persone che ci provocano rabbia, situazioni che non ci sembra di riuscire a gestire.

Quando questo ci succede, cambiamo prospettiva. Anzichè concentrarci su quello che è successo, concentriamoci su quello che possiamo fare per andare oltre.

Guardiamo il lato splendente delle cose e usiamo qualche piccolo trucchetto per aiutarci a farlo.

Abituiamoci a far sì che la prima parola che diciamo sia un sorriso. Non c’è migliore argomento per iniziare una conversazione.

Quando c’è qualcosa di negativo nella nostra vita, chiediamoci sempre cosa possiamo fare per migliorarlo, lasciando andare i pensieri negativi. Focalizziamo la soluzione, non il problema.

Teniamoci separati dalla situazione: noi siamo noi. Quello che abbiamo intorno dipende da come lo percepiamo. Respiriamo e lasciamo andare le emozioni negative.

Guardiamo avanti, anzichè indietro. Il passato è passato ed ha il potere di influenzare negativamente la nostra vita solo se lo tratteniamo.

Infine, frequentiamo chi ci fa stare bene e facciamo cose che ci fanno stare bene.

Ricordiamo a noi stessi che siamo Anime troppo belle e troppo preziose per  vivere nelle tenebre della tristezza e sgomento.

Ci meritiamo il lato splendente della vita.

 

Essere positivi

Essere positivi non significa chiudere gli occhi di fronte a persone, situazioni ed eventi che non ci piacciono.

Essere positivi non significa essere sordi e anestetizzare le proprie emozioni, nascondendole dietro un falso sorriso.

Essere positivi è osservare con rispetto e gratitudine cosa avviene intorno a noi, ascoltare con amore per noi stessì le emozioni che tutto questo provoca dentro noi, imparare ciò che dobbiamo imparare da queste esperienze e poi lasciarle andare.

Essere positivi è, pertanto, vivere nel qui ed ora ma senza essersi lasciati, nascoste nel subconscio, dei conti da risolvere con il passato.

Accendiamo la luce sulla nostra giornata

Un grande cambiamento sta per accadere nella nostra vita, che sta per cambiare una giornata andata storta in una giornata che finisce meravigliosamente.

Non ci credi? Dipende solo da noi.

Accendiamo la luce sulla nostra giornata e vedremo che la nostra esistenza diventerà più chiara, leggera, confortevole.

Un sorriso, forse, è il modo migliore per iniziare. Una parola gentile detta con il cuore, un pensiero di amore per qualcuno, un gesto di perdono o di comprensione.

E, d’incanto, la luce si accende, la vita si rischiara e questa luce si propaga a tutti quelli che abbiamo intorno.

Cominciamo, da ora..